La perfezione

La perfezione

“Teneva le mani nelle tasche dei jeans, ai piedi le scarpe da ginnastica, la giacca aperta sopra al pullover che definiva i seni, nei capelli svolazzi di tramontana. Alle spalle lo scompiglio delle onde, le isole percettibili nello spaccato di cielo che ingrigiva man mano. Sulla piattaforma di cemento e… Continua a leggere
Mercoledì di Tim Burton, potete guardarla a ogni età

Mercoledì di Tim Burton, potete guardarla a ogni età

Ho guardato Mercoledì di Tim Burton alcune settimane dopo l’uscita, quando un’abbuffata di commenti e recensioni aveva già saturato il web. Ma ero riuscito a evitare spoiler e discussioni social, non i selfie delle fan che per l’occasione s’erano acconciate i capelli con lunghe trecce e frangetta. L’impressione che avevo… Continua a leggere
Napoli comincia dal mare

Napoli comincia dal mare

Napoli comincia dal mare, un mare di luoghi comuni più o meno tangibili. Mare di venti che tutto si portano appresso e tutto lasciano. Napoli che cambia, Napoli che non sa cambiare. Napoli, la più bella del mondo. Napoli provinciale.  Napoli eterna e Napoli da dimenticare (quando la lasci, quando… Continua a leggere
Elezioni politiche, lettura indisponente

Elezioni politiche, lettura indisponente

La matematica è un’opinione ma Giorgia Meloni ha vinto le elezioni politiche con grande destrezza. Chi somma le percentuali degli avversari della destra, pensando che uniti avrebbero vinto, non ha chiaro il contesto. Quei partiti non potevano stare insieme perché non c’era intesa sui passi successivi al 25 settembre. Oggi… Continua a leggere
Il meno peggio universale

Il meno peggio universale

C’è un meno peggio per tutti. Confermando una recente consuetudine, anche in prossimità delle elezioni politiche 2022 ho svolto un sondaggio tra le persone che incontro più o meno abitualmente. È stato un gioco, ovviamente. I miei contatti non rappresentano certo un campione obiettivo, la gran parte di loro mi… Continua a leggere
Bella Ciao e l’autolesionismo di Laura Pausini

Bella Ciao e l’autolesionismo di Laura Pausini

La notizia sarebbe ormai superata: Laura Pausini, ospitata da una televisione spagnola, si è rifiutata di intonare Bella Ciao. “È una canzone troppo politica”, l’improbabile tesi usata dalla cantante per argomentare il rifiuto. Lavorando nel settore dello spettacolo pesano i rapporti con persone che rappresentano tutti i partiti. Che la… Continua a leggere
La regina di cui abbiamo bisogno

La regina di cui abbiamo bisogno

La morte della regina Elisabetta, la risonanza che abbiamo riservato a questo evento, ci restituisce un po’ l’istantanea (si fa per dire) di quel che siamo. La portata storica del personaggio e la sua eco sono notevoli, ma pur riconoscendolo, alla notizia della scomparsa in pochi hanno fatto riferimento ai… Continua a leggere